Benevento, Vigorito a TMW: "Perdere a Verona non significa esonerare Baroni"

di Lorenzo Salvadori
articolo letto 233 volte
Foto

Ai microfoni di TuttoMercatoWeb ha parlato il presidente del Benevento Oreste Vigorito: argomento di discussione è ovviamente la difficile situazione della sua squadra. Il numero uno giallorosso ha colto l’occasione per spronare i calciatori a un nuovo inizio di stagione:

"Abbiamo recuperato gran parte della rosa e sulle ali della buona prestazione contro l'Inter siamo convinti che la nostra scalata comincerà contro il Verona”. Certo, se è vero però che la panchina di Pecchia scotta a causa dei soli tre punti accumulati in sette partite, quella di Baroni dovrebbe prendere fuoco da un momento all’altro visto che le streghe non hanno raccolto neanche un punto.

Vigorito, in realtà, elargisce una ventata di fiducia al proprio allenatore e in merito a un eventuale esonero dopo una sconfitta contro l’Hellas Verona risponde:”No. Non cambieremmo comunque. Cambiare allenatore significherebbe cambiare modulo e comporterebbe una serie di situazioni. Non può essere la partita contro il Verona a decidere le sorti di un professionista che stimo”. Anche se ammette:”Un risultato positivo sarebbe auspicabile, soprattutto per far capire che anche noi possiamo fare qualche punto in serie A e non siamo da buttare. Fare bene aiuterebbe anche per l'autostima”.

Fiducia rinnovata, dunque, da parte della società giallorossa a Baroni, l’uomo che ha portato i beneventini per la prima volta in A. Dall’altra parte c’è un Verona con accresciuta autostima dopo il rocambolesco pareggio per 2-2 con il Torino, ma se i gialloblù dovessero perdere lunedì sera anche a Pecchia verrebbe parimenti rinnovata la fiducia da parte della Società?


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI