Laner: "Un onore vestire i colori gialloblù. Fusco? Uomo di parola"

di Giorgia Segala
articolo letto 1073 volte
Foto

Le dichiarazioni di Simon Laner al termine dell'amichevole Verona-Triestina finita 4-0 per i gialloblù:

"Per me è sempre un onore vestire i colori gialloblù, lo sanno tutti, cerco di dare il massimo come sempre. La squadra sta prendendo forma, sono arrivati giocatori importantissimi che ci stanno dando una grande mano e abbiamo tutti da imparare da loro, noi vecchi così come i ragazzi più giovani. Ci stiamo allenando molto intensamente per arrivare pronti all'inizio della stagione.

Che Verona sta venendo fuori da questo ritiro? Un Verona di qualità e con un'identità, pian piano si crescerà in questo, ci diamo dentro tutti. Ci sono tanti giovani e io per primo mi metto a disposizione per dare una mano alle nuove leve, conosco l'ambiente da molti anni e cerco di dare il massimo com'è giusto che sia. Bisogna pensare a pedalare e lavorare come ci chiede il mister.

Fusco? E' stato un uomo di parola, l'anno scorso mi ha promesso che in caso di promozione potevo rientrare a Verona ed è accaduto, mi han portato in ritiro e questo mi fa molto piacere.

Se resterò a Verona o andrò altrove per giocare? Io ho sempre scelto di andare a giocare ed il mio curriculum parla chiaro al riguardo, è chiaro però che è difficile staccarsi da Verona perché è una realtà che conosco molto bene, oltre al fatto che ho anche una certa età, per cui posso dare una mano ai giovani qui: si vedrà se resterò o meno.

Cassano? Un top player, ci possiamo aspettare molto da lui perché si sa che è un campione."


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI